Trovare nuovi clienti con Facebook ads: come impostare correttamente il Pubblico Simile

Trovare nuovi clienti con Facebook ads: il Pubblico Simile

Con la modifica dell’algoritmo di Facebook, di cui ti abbiamo parlato qui, si rendono sempre più necessarie le campagne Adv su Facebook, per rendere visibili i post sulle pagine fan.

In questo articolo, trattiamo una delle feature di Facebook Ads: il Pubblico Simile o Lookalike Audience, ossia un pubblico composto da utenti con caratteristiche comuni o affini ad un pubblico di riferimento o pubblico di origine.

Saper identificare il pubblico di origine con precisione ci aiuterà a trovare nuovi clienti e registrare minori costi di conversione rispetto a una targetizzazione basata solo sugli “interessi”.

L’importanza di un pubblico di origine coerente

L’efficacia della targettizzazione basata sul pubblico simile dipende sempre dal pubblico di origine.

Se il pubblico di origine è incongruente, e quindi non in target, il pubblico simile erediterà le stesse falle. Capita spesso, infatti, che la fanbase sia costituita da parenti, amici del community manager o di chi ne fa le veci, quindi da utenti che fanno numero ma di certo non convertono.

Se il pubblico di origine invece è in target e pulito e cioè omogeneo, con una fanbase costituita da clienti/lead o visitatori di una pagina chiave del nostro sito web, anche il pubblico simile sarà omogeneo e ci aiuterà a trovare nuovi clienti attraverso Facebook ads.

Il pubblico di origine dovrà essere composto da almeno 100 persone, caratteristica fondamentale per essere utilizzato per la creazione di una Lookalike audience.

E più sarà ampio, più sarà agevole costruire un efficace pubblico simile.

Come creare un pubblico simile

Dal pannello Gestione inserzioni, possiamo accedere alla sezione pubblico e creare il pubblico simile.

Impostiamo il pubblico di origine, che può essere costituito da un qualsiasi pubblico personalizzato creato in precedenza, compresa l’opzione per il Lifetime Value della propria lista clienti per trovare persone simili a quei clienti che spendono maggiormente complessivamente nel tempo.

Possiamo poi scegliere il paese nel quale individuare il pubblico simile.

Possiamo anche scegliere un paese straniero, partendo da un pubblico di origine italiano: in questo caso, Facebook cercherà persone simili all’estero per le nostre campagne.

Durante la creazione di un pubblico simile, possiamo scegliere la dimensione dello stesso in base ad un parametro percentuale che va da 1 a 10, che sta ad indicare la percentuale di popolazione del paese di riferimento che lo va a comporre.

Selezionando “1%”, creeremo il pubblico più ristretto e quindi più simile al pubblico di origine, perciò sarà fondamentale non rinunciare a questa opzione.

Se valuteremo i risultati saranno soddisfacenti, potremmo provare a sfruttare le performance anche di porzioni maggiori di pubblico simile (fino al 10%), al fine di raggiungere un pubblico più ampio anche se è meno vicino al nostro pubblico di origine, previo test che ci consentano di verificare esattamente che il ritorno sull’investimento pubblicitario sia positivo.

Cliccando sulla voce Mostra opzioni avanzate, potremo inoltre creare contemporaneamente più varianti di dimensione di pubblico simile, senza che queste si sovrappongano tra loro.

Non optando per questo metodo, potremo invece utilizzare l’opzione di esclusione pubblico nelle impostazioni della campagna.

Quando usare il pubblico simile

Possiamo utilizzare il pubblico simile quando dobbiamo scalare le nostre campagne, quando cioè dobbiamo incrementare il numero delle nostre conversioni ma un aumento del budget non risulta più efficace o quando le prestazioni cominciano gradualmente a calare a causa della saturazione del pubblico: in entrambi i casi è necessario trovare nuove persone.

Queste persone esistono anche se non le abbiamo mai raggiunte prima, perché probabilmente siamo partiti male impostando un target per “interessi” – per natura poco preciso – su quello che avevamo individuato come il nostro cliente modello.

Poi abbiamo utilizzato campagne con una strategia d’offerta oCPM con continue ottimizzazioni e restringimenti del pubblico per ridurre i costi delle nostre conversioni.

Per rimediare a lead e potenziali clienti persi per strada, la strada giusta è proprio ripartire da una nuova base: la funzione del pubblico simile.

Fonte: Webinfermento

Recommended Posts