Google: come anticipare le intenzioni dei consumatori

Per decenni il settore dei beni di consumo si è occupato di produzione, distribuzione e comunicazione di massa. Le campagne di marketing e sui media miravano a raggiungere il maggior numero di persone piuttosto che i clienti più adatti a far crescere il brand.

Oggi i dispositivi mobili e la tecnologia stanno rivoluzionando il settore sotto ogni punto di vista.

Gli acquirenti sono più connessi sui dispositivi mobili, hanno una capacità di concentrazione bassissima ed esigono di più dai brand. Senza contare che ci troviamo di fronte a una quantità astronomica di scelte e siamo bombardati da centinaia di messaggi ogni giorno.

Di conseguenza, il percorso decisionale dei clienti non è più lineare. Grazie al digitale, gli utenti possono ricercare minuziosamente di tutto e scrivere ogni genere di revisioni, comprese quelle su cibo e bevande, il che rende le loro scelte molto più personali.

Per distinguersi dalla massa, è necessario migliorare il proprio approccio, in modo che i clienti vivano un’esperienza personalizzata e importante, ogni volta che interagiscono con un brand.

Se si anticipano le esigenze dei consumatori, si può dare forma a quel percorso non lineare e offrire esperienze più importanti e personalizzate. Per favorire questa evoluzione, è necessario andare oltre il marketing tradizionale e imparare ad anticipare le intenzioni individuali su larga scala.

Google ci viene in soccorso e, sull’esempio della “case” di Pepsi, ci offre suggerimenti e strumenti adatti per fronteggiare un percorso cliente diventato sempre più imprevedibile.

Vediamoli in dettaglio.

1. Un approccio che privilegia la centralità del cliente

Non esistono modi efficienti di anticipare manualmente e soddisfare le esigenze dei singoli clienti su larga scala. Non è fisicamente possibile per gli esseri umani digerire questi dati e interpretarli.

In primo luogo, i dati a cui dare un senso sono davvero tanti: dati proprietari, dati provenienti da partner retail, da fonti distribuibili in syndication e da partner digitali. A complicare ancor più le cose, si aggiunge il fatto che i set di dati sono spesso incompleti o esistono solo in forma isolata. La risposta si nasconde nelle tecnologie di machine learning in grado di costruire un approccio orientato al consumatore.

Poiché l’infrastruttura di base di PepsiCo era stata progettata per i loro obiettivi di marketing tradizionali, non disponevano degli strumenti digitali, dei talenti o dei processi giusti che gli aiutassero a comprendere più a fondo le informazioni sui consumatori e gli indicatori delle loro intenzioni. Accrescere la maturità dal punto di vista digitale significava riconsiderare ognuna di quelle dimensioni.

A tale scopo, PepsiCo ha assunto talenti specializzati nell’analisi dati e stabilito flussi di lavoro interfunzionali che gravitano attorno a un’infrastruttura progettata per mettere al primo posto le esigenze dei consumatori.

Hanno poi impostato i processi giusti per prendere decisioni critiche basate sui casi d’uso dei dati e della tecnologia.

Infine, hanno investito nelle piattaforme e nello stack tecnologico giusti affinché i dati potessero fluire in un hub centrale basato su cloud. Si è trattato di un passaggio fondamentale: quando i dati puntavano a una direzione, gli esperti sviluppavano una comprensione olistica del consumatore e dei suoi percorsi.

2. Comprendere il DNA del consumatore

Una volta implementati gli strumenti digitali e collegati i dati in un repository centrale, puoi iniziare ad anticipare le esigenze, definire il percorso di acquisto e offrire esperienze più significative e personalizzate. È quello che viene definito “comprendere il DNA del consumatore”.

A questo punto puoi comprendere a fondo le necessità, il contesto e la posizione dei tuoi consumatori lungo il percorso di acquisto. Da questo momento in poi, è possibile combinare le informazioni importanti con lo storytelling e generare esperienze personalizzate su larga scala. Possiamo capire se e quando entrare in sintonia con un consumatore e sapere che cosa dire.

Per raggiungere i segmenti giusti con i messaggi giusti per il lancio della bibita Bubly nel 2019, Pepsi ha utilizzato Director Mix di YouTube per sviluppare dinamicamente le creatività in base alle preferenze individuali. In tal modo ha potuto personalizzare i contenuti video in base allo stato d’animo attuale di un utente. Chi era interessato alla musica ha probabilmente visto un annuncio con un testo che diceva: “Aggiungimi alla tua playlist”.

Oppure, chi interessato e attento alla propria salute, poteva visualizzare un annuncio che diceva: “Zero calorie. Zero dolcificanti”.

La notorietà del brand generata dagli annunci personalizzati si è rivelata la migliore, superando del 30% quella ottenuta dai soli messaggi sui vantaggi dei prodotti. Negli ultimi due anni PepsiCo ha perfezionato il proprio playbook di personalizzazione al fine di raggiungere i consumatori in base alle loro intenzioni individuali.

3. Utilizzare gli approfondimenti per stimolare la strategia di business, non solo il marketing

Non è più possibile più fare affidamento su metodi e strumenti obsoleti per aiutarci a ottenere le informazioni necessarie a modellare la strategia aziendale.

Pepsi ad esempio, sta ricostruendo la propria organizzazione dall’interno verso l’esterno, e sono ben posizionati per prevedere quali sono i contenuti e le strategie di innovazione migliori.

Hanno creato un motore interno di analisi delle informazioni sui consumatori utilizzando l’hub di dati pubblicitari di Google, che sostituisce la ricerca tradizionale (come i focus group) e utilizza i dati in tempo reale per rilevare le aree in cui introdurre l’innovazione.

Ad esempio, hanno reintrodotto Crystal Pepsi in risposta alla domanda dei consumatori. I prodotti Maker Overnight Oats e le acque minerali aromatizzate sono stati sviluppati sulla base di ricerche e approfondimenti sui social media. Il lancio dei nuovi brand venduti esclusivamente su Internet, come Ojas Studio, sono stati progettati in risposta alle richieste degli acquirenti online.

Pepsi ha anche sviluppato una dashboard che li aiuta ad anticipare le esigenze dei consumatori.

Questa “mappa termica” geografica utilizza query di ricerca e vendite pertinenti in modo da dare loro un’istantanea in tempo reale dei tipi di prodotti che le persone desiderano e dove li stanno cercando. Stanno persino trovando il modo di utilizzare le informazioni rilevanti per proiettare opportunità a monte della catena di fornitura, con possibili conseguenze sulla distribuzione. In questo modo i prodotti giusti sono disponibili in aree in cui i clienti rispondono più prontamente alla loro pubblicità e dimostrano una spiccata preferenza per un articolo specifico.

Conclusioni

Si tratta di un viaggio in continua evoluzione per tutti. Il mondo del digitale, dei dati e dei media cambia di continuo.

Per preparare le aziende al futuro, è fondamentale imparare e dimenticare quanto appreso secondo necessità. Ciò significa ripensare costantemente al modo in cui entriamo in contatto con le persone, troviamo nuove opportunità commerciali e misuriamo il successo. Sembra un compito arduo, ma ogni viaggio inizia con pochi passi.

Per PepsiCo l’obiettivo era comprendere che cosa vogliono veramente i loro clienti e poi mappare persone, processi e piattaforme per arrivarci.

Vuoi ricevere supporto per la tua strategia digitale? Richiedi 2 ore di consulenza gratuita! Contattaci.

 

 

MarTech: che cos’è e perché è fondamentale per il tuo business – Parte 1 –

La tecnologia – come sappiamo – si evolve rapidamente. Negli ultimi 5 anni c’è stata una crescita esponenziale rispetto a quella dei 25 anni precedenti. Il settore relativamente giovane del MarTechMarketing of Technology – non fa di certo eccezione.

È comprensibile che, navigare nello mondo del MarTech possa sembrare piuttosto impegnativo.

Per questo motivo, abbiamo ideato una serie di post per esplorare il panorama, entrando nel dettaglio degli strumenti e tecniche attualmente sul mercato e sulla loro funzione e utilizzo nelle strategie di marketing e, per rispondere a molte delle domande che i nostri clienti spesso ci pongono, tipo:

  • che cos’è esattamente il MarTech?
  • come si usa il MarTech nel marketing?
  • in che modo il MarTech aiuta i professionisti del marketing?
  • come possono gli esperti di marketing eccellere nel MarTech?

Questo articolo è un’ introduzione sull’argomento dove spieghiamo i concetti chiave del Marketing of Technology.

Che cos’è il MarTech?

Per usare una citazione di John Koetsier,

Ogni tecnologia utilizzata da un marketer per raggiungere un potenziale cliente è martech“.

MarTech, abbreviazione di Marketing Technology,  è semplicemente l’intersezione di Marketing e Tecnologia.

Martech si riferisce a qualsiasi software e strumento tecnologico utilizzato dai professionisti del marketing per pianificare, eseguire, tracciare, misurare e analizzare le campagne di marketing.

Tutto questo su larga scala, in un ambiente multi-touchpoint, omnicanale, principalmente digitale.

Sviluppo e distribuzione del Martech

L’industria MarTech è stata democratizzata dal modello Software-as-a-Service (SaaS), un modello di distribuzione software lanciato da Salesforce nel 1999.

Salesforce ha introdotto questo modello di business in alternativa al costoso CRM “on-site” o a sistemi di CRM customizzati  che solo le grandi aziende potevano permettersi. Salesforce ha rivoluzionato il settore quando ha reso il software CRM disponibile per aziende di diverse dimensioni con un investimento di capitale decisamente minore rispetto al capitale necessario allo sviluppo e alla distribuzione dei software tradizionali.

Da allora, sono entrati nel mercato una moltitudine di prodotti MarTech, servendo diversi settori e diverse aree di marketing. La rapida crescita di MarTech ha consentito ai professionisti del marketing di automatizzare e semplificare molti aspetti delle loro attività di marketing quotidiane.

Oggi, le soluzioni MarTech sul Cloud possono essere soluzioni:

Point (soluzioni focalizzate su un aspetto chiave del MarTech)

Suite (una suite di soluzioni MarTech su un’unica piattaforma). Entrambi hanno i loro pro e contro e una scelta di implementazione dipende davvero dalle esigenze, competenze e budget del marketer.

In generale, l’insieme degli strumenti, piattaforme e soluzioni tecnologiche di marketing che serve e supporta un team di marketing viene definito “MarTech stack”.

Perché il MarTech è importante?

Non si può negare il fatto che l’attività di marketing richieda l’utilizzo di  molta tecnologia.

Una presenza digitale è obbligatoria per i professionisti del marketing per raggiungere i clienti e attirare nuovi acquirenti. Quindi, al fine di gestire tutti i canali e comportamenti in continua evoluzione, gli esperti di marketing e tecnologia hanno creato la cosiddetta “tecnologia di marketing” o martech stack, che gestisce tutto:

a) sitoweb

b) e-mail

c) social media

d) annunci

e) applicazioni

Contrariamente a quanto molti credono, uno martech stack va ben oltre la pianificazione dei social media o le e-mail automatizzate. Numerose tecnologie sono state raggruppate per creare una serie integrata di strumenti in grado di costruire relazioni con i clienti su più canali contemporaneamente.

Il MarTech offre evidenti vantaggi, come

1. l’automazione dei processi

2. il risparmio di tempo per gli operatori del mercato

consentendo di gestire facilmente una moltitudine di canali di marketing.

Le aziende che effettuano investimenti intelligenti e strategici in MarTech sono in grado di creare una suite completa di strumenti che si integrano perfettamente.

Come creare il tuo Martech stack?

Come ogni progetto, iniziativa di investimento o di marketing, la chiarezza sugli obiettivi aziendali deve essere il punto di partenza. Per quanto ovvio possa sembrare, spesso non è così. Ogni singolo progetto martech  deve contribuire a guidare il tuo obiettivo di business, la sua strategia di marketing e l’esperienza del cliente.

Non puoi costruire un piano senza prima conoscere lo stato di avanzamento. Ciò significa fare auditing. Qualunque cosa tu voglia fare devi prima conoscere quali sono le tue attuali competenze e possibilità.

Fatto questo, cerca anche di capire la relazione tra il tuo martech stack e come questo influenzerà il percorso del cliente. Ti consentirà la lungimiranza necessaria per modellarli insieme mentre procedi nella scelta.

Quando deciderai di implementare strumenti di martech, guarda anche alle tue esigenze interne ed esterne. Da un lato l’interno, cioè la tua azienda ossia le persone che devono utilizzare gli strumenti. Dall’altro lato, l’esterno cioè le persone interessate dallo stack, ad esempio i clienti e le parti interessate.

Tra queste parti interessate, potremmo avere anche i dirigenti che desiderano vedere i dati dei report o il team commerciale che cerca di capire meglio le attività di marketing, che li aiuta a raggiungere meglio i potenziali clienti fornendo loro il messaggio giusto.

In sintesi, se stai cercando di cambiare lo stack della tua tecnologia di marketing, tieni presente che il software che scegli ha il potere di influenzare sia il cliente che l’esperienza delle attività interne dell’azienda.

Le 7 categorie dei MarTech tools

Il panorama del MarTech è diffuso in lungo e in largo ed è costituito da innumerevoli strumenti e tecniche. Abbiamo diviso gli strumenti in diverse categorie cercando di mantenere  la classificazione il più semplice possibile.

1. Content Marketing Tools

2. Rich Media Tools

3. Social Media Tools

4. Marketing Automation Platform e Tools

5. Advertising Platform e Tools

6. Sales Enablemet Tools

7. Data e Analytics Platform

Nel prossimo articolo entreremo nel dettaglio di ogni categoria, descrivendone la funzione e le piattaforme/strumenti che rientrano all’interno di ognuna.

Nel frattempo, se vuoi creare il tuo MarTech stack o migliorare quello attuale, CONTATTACI!

 

Immagine in evidenza:

<a href=’https://it.freepik.com/foto-vettori-gratuito/infografica’>Infografica vettore creata da katemangostar – it.freepik.com</a>

 

La classifica dei migliori tool di Competitive Intelligence – PART 3

la classifica dei migliori tool di competitive intelligence

Nel primo post abbiamo introdotto il concetto di Competitive Intelligence, strumento utile nelle ricerche di mercato, in particolare per quegli aspetti cruciali di un’azienda come l’identificazione e l’analisi del panorama competitivo fino alla comprensione di specifiche campagne di marketing che guidano la crescita dei propri concorrenti.

Abbiamo anche iniziato a dettagliare la guida (leggi i precedenti post: parte 1 parte 2) dei migliori tool di Competitive Intelligence  – per ricerche di mercato avanzate – che SEMrush ha realizzato dopo un’attenta analisi.

Proseguiamo, allora con la terza e ultima parte della classifica.

Modifiche al Sito

Il ruolo fondamentale che un sitoweb svolge nelle conversioni e nella crescita del business è irrefutabile. Con un sito, attiri il pubblico di destinazione e trasmetti loro il tuo messaggio. È il posto dove presenti le tue offerte e convinci i tuoi utenti a convertire.

Ciò significa anche che, molto probabilmente, dovrai  testare e provare nuovi modi per migliorare il sito (così come fanno i tuoi competitor) al fine di raggiungere i tuoi obiettivi di conversione. Naturalmente, il monitoraggio manuale del sito di un concorrente richiederebbe troppo tempo.

Fortunatamente, ci sono strumenti che possono farlo per te. Ne suggeriamo tre.

Visualping

Visualping è un semplice tool che ti consente di selezionare un’area in una pagina web e di ricevere notifiche quando la sezione cambia. Puoi anche selezionare la frequenza con cui desideri ricevere gli aggiornamenti, da ogni 5 minuti a una volta alla settimana. Visualping controllerà quell’area in quell’intervallo predefinito e ti invierà un’e-mail se rileva modifiche nell’area selezionata.

deep dive duck

Deep Dive Duck è un tool più complesso, progettato specificamente per monitorare le modifiche generali sui siti web della concorrenza. Tiene traccia di un massimo di 10 siti concorrenti e tiene traccia di 100 pagine di un sito di ciascun concorrente. Lo strumento riporta un’intera gamma di modifiche, tra cui nuovi membri dello staff aggiunti o cambiamenti di posizione, modifiche dei prezzi, nuova gamma di prodotti e molto altro ancora.

Lo strumento ti invierà quindi un’e-mail settimanale in cui vengono evidenziate le modifiche rilevate, offrendoti una panoramica di ciò che è accaduto sui siti competitor.

competeshark

Competeshark si differenzia dai due tool di cui sopra perché consente di monitorare le modifiche al sito di un concorrente in tempo reale. Lo strumento visiterà i siti dei competitor scelti e ti informerà dei cambiamenti tra cui, aggiornamenti dei contenuti, modifiche del layout o nuove promozioni.

La caratteristica davvero sorprendente è la possibilità di vedere il prima e il dopo di ogni modifica. Utilizzando un visual slider , puoi visualizzare in anteprima la nuova versione e quella precedente per valutare in dettaglio la profondità della modifica.

Infrastruttura Cloud

Sapere quanti soldi i tuoi concorrenti investono in infrastrutture cloud e prodotti digitali, ti aiuta a far luce sulle loro strategie. Ad esempio, sapere quale piattaforma di email utilizzano i tuoi concorrenti e il piano tariffario specifico scelto può suggerirti l’entità della loro strategia di email marketing. Un’azienda che utilizza una piattaforma email con un piano base gratuito utilizzerà il canale in modo diverso rispetto a quello con una piattaforma dal piano completo; queste informazioni possono aiutarti ad avere un vantaggio competitivo.

intricately

Intricately è unico in quanto analizza l’infrastruttura cloud e riporta report su metriche come i prodotti utilizzati, informazioni di intelligence, rinnovi e dettagli di utilizzo.

Inoltre, Intricately può anche analizzare l’uso dei prodotti della concorrenza e informarti su dove ottengono quote di mercato e crescita a livello globale.

App Performance Analysis

Se offri un’app per dispositivi mobili, acquisire informazioni sul mercato mobile non è fondamentale. Devi sapere quali mercati generano la maggior parte dei download e le entrate delle app e quali dei tuoi concorrenti guadagnano quote di mercato e sperimentano l’aumento di download, revenue, utilizzo e coinvolgimento.

Devi anche tenere traccia di tutti i nuovi arrivati che potrebbero minacciare la posizione della tua app sul mercato. Ecco due app che ti consentono di fare tutto senza sforzo.

appannie

AppAnnie fornisce dati del mercato mobile che puoi utilizzare per generare più download, revenue e ottenere un vantaggio competitivo nel settore. Include diversi prodotti con intelligence che fornisce dati di mercato per scoprire opportunità di crescita dalle insight dei competitor.

datamagic

Datamagic è un altro strumento di mobile market intelligence . Ti consente di confrontare le performance di app ed publisher per identificare le tendenze e i modelli che guidano le tue strategie di crescita.

Con Datamagic, puoi esaminare le revenue, i download e altre metriche del tuo concorrente, correlare i dati e le analisi per trovare idee e opportunità per lo sviluppo futuro.sviluppi futuri.

e-Commerce Pricing and Product Intelligence

L’ecommerce è diventato un mercato affollato. Sfortunatamente, con così tanti negozi online che vendono gli stessi prodotti, affronti una dura concorrenza sui prezzi. Per questo, è necessario modificare le commissioni frequentemente per offrire sempre i prezzi più interessanti sul mercato.

Il problema è che monitorare tutti i prezzi dei concorrenti ogni giorno è un compito impossibile. Come puoi farlo tenendo traccia di migliaia di prodotti in così tanti negozi?

Con questi strumenti.

Prisync

Prisync è un software di determinazione dei prezzi per i negozi di e-commerce. Monitora quanti dei tuoi stessi prodotti sono venduti dai tuoi concorrenti , così come la loro disponibilità di stock, segnalando il tutto attraverso una bellissima dashboard  che ti invia alert via email.

Con Prisync, puoi tenere traccia dei prezzi tra tutti i tuoi concorrenti e per ogni prodotto che vendi e agire immediatamente su eventuali promozioni o variazioni di prezzo che essi fanno.

BlueBoard

BlueBoard non offre solo il monitoraggio dei prezzi per l’e-commerce, ma espande tali approfondimenti con dati aggiuntivi: come il monitoraggio dell’assortimento.

Con BlueBoard, un negozio di e-commerce può monitorare i prezzi dei propri concorrenti, tenere traccia dei prodotti dei concorrenti e dei propri per capire come la concorrenza struttura la propria gamma di prodotti e così identificare nuove opportunità di distribuzione in base alle strategie dei concorrenti.

 

Se stai valutando di adottare nuove tecnologie per la tua strategia di marketing e hai bisogno di consulenza, CONTATTACI!

 

Se vuoi conoscere tutti i nostri Servizi di Strategia e Marketing Digitale, clicca qui!

 

 

 

 

 

 

La classifica dei migliori tool di Competitive Intelligence – PART 2

Nel post precedente abbiamo introdotto il concetto di Competitive Intelligence, strumenti utili nelle ricerche di mercato, in particolare per quegli aspetti cruciali di un’azienda come l’identificazione e l’analisi del panorama competitivo fino alla comprensione di specifiche campagne di marketing che guidano la crescita dei propri concorrenti.

E abbiamo anche iniziato a dettagliare la guida dei migliori tool di intelligenza competitiva – per ricerche di mercato avanzate – che SEMrush ha realizzato dopo un’attenta analisi.

Proseguiamo, allora con la seconda parte della classifica.

 

Strategie e tattiche di marketing digitale della concorrenza

Qual è il percorso più breve per comprendere i tuoi clienti, le loro esigenze, preferenze o comportamento di acquisto?

Basta guarda cosa stanno facendo i tuoi competitor, in particolare, quale delle loro strategie genera i risultati più significativi.

Identificando i loro principali canali di traffico, livelli di traffico, coinvolgimento e persino la struttura del sito, puoi individuare le tendenze da utilizzare nelle tue strategie di marketing.

Ad esempio, sapere quali canali indirizzano la maggior parte del traffico verso il sito web del tuo concorrente ti rivelerà dove concentrare i tuoi sforzi. Comprendere da quali Paesi proviene il loro miglior traffico ti aiuterà a pianificare campagne di marketing internazionali e così via.

SEMrush consiglia uno strumento proprietario per fare tutto questo.

SEMrush Traffic Analytics

Traffic Analytics consente di analizzare le attività di marketing di qualsiasi azienda, scoprire dove investono più risorse e sforzi, e utilizzare tali intuizioni per pianificare la propria strategie di marketing.

Tutto quello che devi fare è inserire da uno a cinque domini nello strumento. Riceverai rapporti sulle metriche di traffico del sito web: numero di visitatori, sovrapposizione del pubblico, fonti di traffico, pagine di destinazione principali, geo-distribuzione, siti di destinazione e sottodomini. Questi dati possono aiutarti a capire in dettaglio le strategie e le tattiche di altre aziende e anche a rilevare i loro partner commerciali, i programmi di affiliazione, i fornitori di backlink e altro ancora.

competitive-intelligence-tool

Customer Journey

Il percorso per l’acquisto online può essere fonte di confusione per i clienti che spesso non sanno da dove acquistare. Ma è ancora più confuso per i brand che fanno fatica a capire la loro vera quota di mercato. Non sanno con quali siti web o informazioni interagiscono i loro clienti prima di acquistare e dove cominciano il loro viaggio di acquisto.

Di fatto, è quasi impossibile pianificare una strategia di successo per aumentare la visibilità del marchio e le vendite, senza vedere l’intero percorso dalla ricerca all’acquisto.

Fortunatamente, esiste un prodotto che aiuta a scoprire tutto.

Jumpshot

Jumpshot raccoglie e segnala le azioni effettive dell’acquirente su siti web e dispositivi. Lo strumento fornisce tutti i dati per tracciare la concorrenza, vedere dove acquista il tuo pubblico e scoprire come raggiungerlo.

Con Jumpshot puoi anche confrontare il volume delle vendite, il prezzo e il tasso di conversione rispetto all’intera categoria o ai singoli concorrenti.

competitive-intelligence-tool

Strategie Email

L’e-mail è un canale fondamentale per la comunicazione, l’engagement e le vendite. I tuoi concorrenti potrebbero trarne il massimo vantaggio. Possono inviare offerte, promozioni irresistibili, annunciare nuovi prodotti e utilizzare molte altre strategie per coinvolgere e convertire di più i loro abbonati.

Per sapere cosa fanno i tuoi competitor e trarne vantaggio, c’è Owletter.

Owletter

Owletter è uno strumento fantastico nel senso che cattura tutte le e-mail di un sito web specifico,  le analizza e ti avvisa di tutto ciò che potrebbe essere importante per te.

Con lo strumento, puoi approfondire le offerte, le promozioni, gli annunci sui prodotti e qualsiasi altra comunicazione della concorrenza. E puoi farlo su larga scala, senza dover essere attivamente abbonato alle loro newsletter.

Sulla base di tutti questi dati, puoi scoprire cosa coinvolge il pubblico – dalle linee tematiche che hanno un buon tasso di apertura, contenuti che spingono maggiormente gli utenti ad agire – e utilizzare queste informazioni per ottenere risultati migliori.

Video Marketing

Il video può aumentare il coinvolgimento, il riconoscimento del marchio, le conversioni e generare entrate, ma a condizione che lo facciate nel modo giusto. Il problema per la maggior parte delle persone è determinare se le loro strategie di video marketing funzionano abbastanza bene.  Uno dei modi per farlo, è confrontare le tue prestazioni con quelle della concorrenza.

Tubular

Tubular Intelligence è uno strumento che fornisce i dati necessari per comprendere le prestazioni dei tuoi video nel contesto competitivo e aiuta a identificare nuovi modalità per far crescere il tuo pubblico.

Tubular analizza continuamente 14 milioni di video publisher in diversi settori. Quando si utilizza la piattaforma, si ottiene l’accesso a tutte queste informazioni e si svelano le preferenze di contenuto del pubblico in base ai video più performanti. I dati demografici ti consentono di conoscere il tuo pubblico e persino mostrare la tua sovrapposizione del pubblico potenziale con altri editori.

Website Stack

La tecnologia può dare alle aziende un serio vantaggio competitivo. Il giusto sistema di gestione dei contenuti, ad esempio, può aiutare a distribuire contenuti agli utenti più velocemente. Con migliori strumenti di analisi, un’azienda può ottenere approfondimenti più granulari sul comportamento dei propri utenti, adottando iniziative di marketing mirate e altro ancora.

Alcune tecnologie web sono facili da individuare e valutare, altre richiedono conoscenze di esperti.

Nel complesso, è sempre una buona idea capire quali tecnologie utilizzano i tuoi concorrenti sul loro sito web. Ed ecco uno strumento straordinario che ti consente di farlo in un batter d’occhio.

Wappalyzer

Wappalyzer è una semplice estensione del browser che analizza e riporta le tecnologie utilizzate in un sito. Lo strumento è in grado di rilevare il sistema di gestione dei contenuti o una piattaforma di e-commerce utilizzata, framework web, software server, strumenti di analytics, network pubblicitario, strumenti cache, CRM, strumenti di sviluppo, CDN e molto altro.

 

Non perderti il prossimo articolo con il proseguo della classifica dei migliori tool di “competitive intelligence“.

 

Se stai valutando di adottare nuove tecnologie per la tua strategia di marketing e hai bisogno di consulenza, CONTATTACI!

 

Se vuoi conoscere tutti i nostri Servizi di Strategia e Marketing Digitale, clicca qui!

 

 

 

 

 

 

La classifica dei migliori tool di Competitive Intelligence – PART 1

Conoscere il proprio mercato e come operano i vari player è fondamentale per una solida strategia di pianificazione aziendale.

Gli strumenti di intelligenza competitiva consentono di fare proprio questo.

I tool di  competitive intelligence aiutano nella ricerca di mercato sugli aspetti cruciali di un’azienda, come l’identificazione e l’analisi del panorama competitivo fino alla comprensione di specifiche campagne di marketing che guidano la crescita dei propri concorrenti.

I tool di competitive intelligence, in particolare, offrono un’istantanea della strategia di marketing digitale dei tuoi concorrenti, incluso il modo in cui questi eseguono le attività di SEO, strategia sui Social Media, pubblicità (PPC) e Content Marketing. Forniscono informazioni su come, e in particolare in quali aree, in tuoi concorrenti stanno avendo successo.

SEMrush, l’azienda che offre la famosa suite di marketing digitale, ha realizzato una guida con la classifica dei migliori tool di intelligenza competitiva per ricerche di mercato avanzate.

Vediamola subito, analizzando in dettaglio le particolarità di ognuna.

Panorama Competitivo

Il tuo mercato di riferimento è qualcosa in più delle persone che vuoi raggiungere. Il panorama competitivo svolge un ruolo fondamentale nel plasmare il tuo successo.

Di conseguenza, non dovresti solo studiare il mercato, le sue dimensioni o i segmenti di clienti, ma anche comprendere chi sono le aziende player del tuo mercato e come agiscono.

Due strumenti possono aiutarti a condurre questa ricerca in modo efficace e veloce.

Crunchbase

Crunchbase ti consente:

a) di accedere alle informazioni su aziende private e pubbliche;

b) rivedere le tendenze del mercato e del settore

c) individuare nuovi arrivati nel tuo spazio.

 

 

Oppure puoi analizzare il panorama completo nel tuo mercato in target usando vari filtri.

 

 

Craft

Con Craft, puoi sbloccare approfondimenti storici sulle aziende:

a) dalla crescita nel tempo alla presenza sociale

b) dalle tendenze del brand al posizionamento sul mercato

c) le notizie più recenti e molto altro.

Craft ti consente di sapere come un tuo particolare concorrente sia cresciuto e abbia guadagnato quote di mercato.

Inoltre, tutti i dati vengono segnalati in tempo reale, offrendo un’istantanea aggiornata dell’azienda.

Trend di Mercato

Nel business il tempismo è tutto. Essere al passo con la stagionalità del mercato, le nuove tendenze e gli interessi del pubblico emergente è fondamentale per comunicare efficacemente con il mercato.

È necessario misurare e monitorare continuamente i cambiamenti negli interessi del pubblico per poter pianificare strategie che trasmettano il messaggio giusto, alle persone giuste, nel momento giusto.

Ciò è possibile analizzando ciò che altri brand pubblicano su argomenti rilevanti per ciò che vendi.

Esistono molti strumenti per aiutarti in questo. SEMrush suggerisce di usarne tre:

Google Alert

Lo strumento del motore di ricerca ti consente di monitorare il web alla ricerca di nuovi contenuti su un argomento che ti interessa. Tuttavia, questo strumento è utile anche per monitorare ciò che viene detto sulla tua categoria di prodotto, marchio o concorrenti.

 

Talkwalker Alerts

Talkwalker Alerts funziona in modo simile allo strumento di Google. I suoi risultati includono anche tweet, espandendo ulteriormente le intuizioni che puoi carpire.

 

SEMrush Market Explorer

Un altro modo per rivelare le tendenze del mercato è analizzare le dinamiche del traffico del settore e gli interessi del pubblico; questo è ciò che può rivelare il Market Explorer di SEMrush.

Questo strumento è una parte nuova della suite SEMrush, che richiede solo il dominio di un’azienda per iniziare a ricercare l’intero mercato. Sorprendentemente, un sito web è sufficiente per consentire allo strumento di creare un elenco dei corrispondenti attori del settore e fornire dettagli più approfonditi sulle statistiche del traffico e sulle caratteristiche del pubblico.

 

News di Mercato e Competitor

Ogni giorno e ogni ora, i tuoi concorrenti creano nuovi contenuti. Mentre alcuni di questi finiscono sui loro blog, altri pezzi potrebbero apparire nelle migliori pubblicazioni di settore e in altri contesti.

Nessuno ha il tempo di controllare più e più volte blog aziendali per analizzare quali contenuti i competitor pubblicano. L’opzione migliore è utilizzare uno strumento per monitorare i loro feed, così come altri siti del settore. Uno di questi è Feedly.

Feedly

Feedly è incredibilmente semplice da usare, ed è un lettore di notizie e RSS versatile. Ti consente di seguire blog e pubblicazioni e ottenere aggiornamenti regolari di tutti i nuovi contenuti pubblicati. Puoi anche raggrupparli per canale, facilitando il monitoraggio di concorrenti specifici.

Ma c’è di più.

Puoi anche settare alerts per keyword relative ai competitor del tuo brand, prodotto o qualsiasi altro argomento di tuo interesse. Feedly ha anche un’app mobile robusta, il che significa che non è necessario essere incollati al computer per tenere traccia dei contenuti e delle notizie dei competitor.

 

Non perderti il prossimo articolo con il proseguo della classifica dei migliori tool di “competitive intelligenze“.

 

 

Se stai valutando di adottare nuove tecnologie per la tua strategia di marketing e hai bisogno di consulenza, CONTATTACI!

 

Se vuoi conoscere tutti i nostri Servizi di Strategia e Marketing Digitale, clicca qui!