TikTok e Facebook: le news digital della settimana

TikTok e Facebook: le news digital della settimana

Come ogni settimana, il nostro recap delle notizie dai big del mondo digital. Questa settimana parliamo di TikTok e di Facebook.

Vediamo in dettaglio cosa è successo.

TikToK lancia un nuovo Marketing Program dedicato agli inserzionisti

Dopo aver lanciato, lo scorso giugno, la piattforma TikTok for Business, ora TikTok ha lanciato un nuovo Marketing Partner Program, che è l’ultimo elemento della piattaforma nella sua spinta per espandere il suo potenziale pubblicitario e massimizzare le opportunità per i brand.

tiktok-new marketing program

Come riporta il social stesso:

“We’re building new opportunities for marketers to be creative storytellers and meaningfully engage with the TikTok community [and] we’re thrilled to collaborate with some of the most strategic and trusted leaders in the advertising industry and continue giving marketers access to more tools to successfully create, measure and optimize ad campaigns on TikTok.” 

Il programma è stato creatoo con l’ausilio di partner certificati specializzati in diverse aree di competenza, in grado di aiutare tutti coloro che desiderano sperimentare i risultati di una piattaforma come TikTok per il business.tik: dalla gestione delle campagne allo sviluppo creativo, passando per i branded effect fino ad arrivare alla misurazione dei risultati.

Insieme a questo programma, TikTok ha recentemente rilasciato nuove funzionalità per i creator e di supporto pubblicitario per i brand.

All’inizio di questa settimana, TikTok ha annunciato una nuova opportunità per i creator di TikTok di vendere la loro merce direttamente ai loro fan all’interno dell’app, mentre recentemente ha lanciato il suo Creator Fund da $ 200 milioni per pagare i suoi migliori creatori sulla piattaforma.

È chiaro che rafforzare le relazioni con i creator e i brand di TikTok è una priorità assoluta in questo momento, facendo tutto ciò che è in suo potere per massimizzare le entrate e il potenziale pubblicitario dell’app mentre continuano le negoziazioni sul futuro dell’app.

TikTok presenta una nuova funzione creativa per i video

Per aiutare le interazioni su TikTok, la società ha deciso di lanciare la nuova funzione Stitch, che consente agli utenti di riutilizzare clip o snippet dai video di altre persone su TikTok. Questo potrebbe essere usato dai creatori per trovare risposte, remix e duetti su qualsiasi tema.

La funzione offre all’utente la possibilità di tagliare o ritagliare, quindi integrare scene dal video di un altro creatore nel proprio lavoro. Proprio come un duetto, Stitch è un modo per reinterpretare e migliorare il valore dei contenuti di altri utenti. Questo potrebbe essere usato per costruire sulle loro storie, creare un tutorial, una ricetta, citarli per motivi di discussione, o per una lezione educativa e molto altro.

L’opzione si trova in “Impostazioni e privacy” e gli utenti possono abilitare o disabilitare Stitch per tutti i loro video. Tuttavia, l’opzione può anche essere attivata o disattivata per ogni singolo video caricato da un utente.

Per garantire che i creator originali vengano citati, ogni video realizzato con Stitch attribuisce il nome utente nella didascalia del nuovo video.

Le ultime di Facebook contro la disinformazione

Dopo aver limitato l’inoltro dei messaggi su WhatsApp per rallentare la diffusione massiva di fake news, Facebook sta ora introducendo una funzione simile anche su Messenger, stabilendo un nuovo limite che impedisce l’inoltro di messaggi a più di cinque persone o gruppi alla volta.

facebook nuova funzione messenger contro fake news

Facebook ha dimostrato che questa regola è molto efficace per rallentare la diffusione di fake news virali e contenuti dannosi, quindi ha preso esempio da quanto già stabilito per WhatsApp.

Nello specifico, lo scorso anno è stata introdotto il limite sull’app di messaggistica più utilizzata al mondo e la misura ha portato ad una diminuzione del 25% degli inoltri di messaggi a livello globale, quindi WhatsApp ha fatto un ulteriore passo avanti consentendo l’inoltro a solo una chat per volta.

La mossa di Facebook arriva in un momento in cui la disinformazione legata al COVID-19 si sta ancora diffondendo a macchia d’olio e anche per l’evidente avvicinamento alle elezioni negli Stati Uniti.

Come scritto da Jay Sullivan, Director of Product Management for Messenger Privacy and Safety, in un recente redazionale:

“Abbiamo adottato misure per fornire alle persone maggiore trasparenza e informazioni più accurate. Il nostro hub dedicato al Coronavirus (COVID-19) offre agli utenti l’accesso a risorse aggiornate ed ufficiali progettate per aiutarle proteggersi”.

L’introduzione di questo nuovo limite di inoltro su Messenger ha lo scopo di aiutare a frenare le azioni di coloro che cercano di diffondere caos, incertezza e manipolare volontariamente le notizie.

Hai bisogno di supporto strategico e operativo per far crescere il tuo business online? Richiedi 2 ore di consulenza gratuita!

 

 

Facebook, Google,Twitter: le novità digital della settimana

Come ogni settimana, facciamo un riepilogo di cosa è successo nel mondo digital.

Questa settimana vede protagonisti ancora Facebook, Google e Twitter.

Arriva la Tab Facebook News

Il tema fake news è sempre stato un punto di attenzione per Facebook, essendo ormai la piattaforma diventata un punto di riferimento per l’informazione.

Per questa ragione Facebook ha deciso di introdurre una sezione dedicata alle news. Il progetto è stato lanciato in fase di test lo scorso ottobre in alcuni Paesi degli Stati Uniti. Oggi la tab è attiva e confermata ma solo in questi Paesi, per il momento.

La società ha dichiarato che Facebook News sarà un perfetto mix tra moderazione umana ed algoritmo, così da avere un doppio check contro eventuali fake news.

Gli utenti non potranno commentare le notizie nel feed dedicato a news, ma potranno reagire e condividerle. Allo stesso tempo, sarà possibile nascondere argomenti ed editor specifici che non si intende seguire tramite Facebook News.

Tutti i publisher, ovviamente, sono stati controllati dalla società ed approvati, così da limitare la diffusione di potenziali fake news attraverso questo nuovo strumento.

Facebook lancia la casella di posta per le aziende

Non sarà più necessario scaricare app separate per leggere e rispondere ai messaggi aziendali su Facebook Messenger.

Facebook sta rilasciando Business Inbox in Messenger, una nuova casella di posta elettronica per le aziende integrata nell’app di messaggistica. Con questa nuova possibilità, chi gestisce pagine aziendali non è più costretto ad installare app separate, come Facebook’s Pages Manager, per consultare le mail relative alla propria attività.

L’implementazione è appena iniziata su iOS e nelle prossime settimane arriverà anche sui dispositivi Android.

Mike Weingert, Product Manager di Messenger, ha spiegato le motivazioni di questo aggiornamento.

“Oltre il 90% degli amministratori di Pagine aziendali utilizza già Messenger per comunicare con amici e / o familiari e la stessa ricerca ha sottolineato che la maggior parte degli utenti non desidera scaricare o gestire più app”.

Mike Weingert ha aggiunto che l’azienda è consapevole anche che le piccole imprese hanno bisogno di strumenti affidabili e facili da usare per aumentare la loro presenza online e comunicare con i clienti.

Secondo un sondaggio Hubspot, il 90% dei clienti giudica importante o molto importante una risposta immediata in caso di domande di marketing o di vendita. Al giorno d’oggi i clienti hanno molte domande su orari di apertura, disponibilità dei prodotti, opzioni di consegna e ritiro e altro ancora.

La nuova casella di posta in arrivo in Messenger renderà facile e conveniente per le aziende rispondere rapidamente. Le aziende possono anche scegliere di ricevere notifiche nell’app Messenger per ricordare loro di tornare tempestivamente ai clienti. La posta in arrivo aziendale in Messenger integra l’app Gestione pagine, dove oltre alla messaggistica, le aziende possono gestire i propri post su Facebook, creare annunci e visualizzare approfondimenti sulla Pagina.

Google Meet: niente più rumori di fondo con l’Intelligenza Artificiale

Dal momento che sempre più persone lavorano da remoto, un problema comune delle chiamate vocali o video è il rumore ambientale. Per risolvere questo problema, Google ha sviluppato una nuova funzionalità che utilizza AI per un’efficace cancellazione dei rumori di fondo.

La funzionalità, già annunciata ad aprile di questo anno, verrà implementata gradualmente, prima sul web e poi su Android e iOS.

Google My Business: altri orari disponibili

Per aiutare le aziende ad adattarsi alle sfide attuali e future, Google sta implementando una nuova funzione che consente alle aziende di specificare un diverso set di ore quando sono disponibili determinati servizi. Per esempio, una pasticceria potrebbe essere aperta tutti i giorni dalle 9:00 alle 22:00, ma il servizio di take away potrebbe essere disponibile solo in specifici e diversi giorni e orari.

Il proprietario di un’attività commerciale può ora modificare gli orari su My Business per inserire quelli del ritiro, diversi da quelli dell’apertura del locale.

Quindi, quando gli utenti cercheranno il ristorante, saranno in grado di vedere gli orari extra su Google Maps e nei risultati di ricerca.

Ovviamente, questa funzione sarà attiva solo per quelle aziende che hanno già specificato giorni ed orari di apertura.

 

 

 

 

 

Twitter ricorda di leggere gli articoli prima di twittarli

Anche Twitter sta sperimentando una nuova funzione – attualmente sono per gli utenti Android di lingua inglese – per ridurre l’impatto delle fake news sulle conversazioni online.

E, uno dei modi per fermare la diffusione delle fake news è quello di assicurarsi che le persone capiscano davvero il contenuto che stanno condividendo.

Condividere un articolo dopo aver letto solamente il titolo e senza essersi presi la briga di aprirlo e informarsi sul suo reale contenuto è una pratica che secondo Twitter andrebbe evitata. Per questo motivo il social network ha iniziato a testare una nuova funzione che invita gli utenti a leggere gli articoli prima di ritwittarli.

Il prompt viene attivato ogni volta che una persona fa clic su un link, senza tenere conto del tempo trascorso sulla pagina prima della condivisione.

Un portavoce di Twitter ha spiegato che la viralità dei social media può essere potente e pericolosa allo stesso tempo, soprattutto se le persone non leggono i contenuti che stanno diffondendo (prassi molto frequente).

La società ha dichiarato che eseguirà il test per alcune settimane, così da ottenere dati sufficienti per prendere una decisione sui passi successivi da attivare.

 

Hai bisogno di supporto strategico e operativo per far crescere il tuo business? Richiedi 2 ore di consulenza gratuita!

 

Immagini:

<a href=’https://it.freepik.com/foto-vettori-gratuito/logo’>Logo foto creata da freepik – it.freepik.com</a>

<a href=’https://it.freepik.com/foto-vettori-gratuito/tecnologia’>Tecnologia vettore creata da freepik – it.freepik.com</a>

 

 

 

Marketing Technology: la statistica da non perdere

Come sono andati gli ultimi anni per ogni segmento del digital marketing? Quali dati hanno tratto i player e le aziende dalle loro attività di marketing? Come si comporta l’utente? Dove si sta muovendo il mercato?  Quali le novità e tendenze?

HubSpot ha raccolto una serie di dati statistici raggruppati per ogni segmento di marketing. Sono statistiche provenienti dalle aziende statunitensi ma anche da i principali player di settore.  I dati partono dal 2016 fino al 2019, con alcune previsioni statistiche riguardanti il prossimo futuro.

Che tu sia focalizzato su SEO, content marketing, social media, video marketing, email marketing, lead generation, pubblicità, martech o vendite, leggere questi dati ti consente di rimanere aggiornato sulle tendenze di marketing e stare al passo nella gestione del tuo marketing mix, al fine di connetterti con i tuoi clienti, raggiungere i tuoi destinatari e dare un boost alle conversioni.

Oggi è la volta del Marketing Technology.

Se ti interessa, leggi anche i nostri precedenti post sulle statistiche:

SEO

Content Marketing 

Video Marketing

Social Media

Lead Generation

Marketing Technology: la statistica

La tecnologia ne marketing impatta sul modo in cui raggiungi il tuo pubblico, su come questo consuma i tuoi contenuti e su come interagisce con il tuo marchio. Le statistiche e le tendenze dei marketing technology evidenziano le modalità migliori per connettersi con la propria audience attraverso varie applicazioni, software e canali mobile.

app di messaggistica

– Il 24% degli esperti di marketing prevede di aggiungere le applicazioni di messaggistica alla propria strategia di contenuti per il prossimo anno. (HubSpot, 2018)

– 105 milioni di persone usano Facebook Messenger mensilmente. (Statitsa, 2018)

– Entro il 2021, si prevede che 2,48 miliardi di persone disporranno di app di messaggistica. (Statitsa, 2018)

– Il 17% degli utenti elimina le app perché non sono utili e un altro 17% le elimina perché occupano troppo spazio di archiviazione. (Marketing Sherpa, 2017)

– L’app di messaggistica mobile più popolare a livello globale a partire da luglio 2018 è WhatsApp. (Statitsa, 2018)

– Facebook possiede le due app di messaggistica più famose al mondo: Facebook e WhatsApp. (Statitsa, 2018)

– Nel 2020, le entrate medie delle app di messaggistica dovrebbero superare i $15 per utente. (Mediakix, 2019)

– Nel 2020, le entrate medie delle app di messaggistica per utente dovrebbero essere guidate dai chatbot. (Mediakix, 2019)

– È stato dimostrato che le app di messaggistica hanno circa il 20% in più di utenti attivi mensili rispetto ai social network. (Mediakix, 2019)

– Il 20% dei consumatori che utilizza app di messaggistica afferma di utilizzare due app di messaggistica in totale e il 16% di questi consumatori afferma di utilizzarne tre o più. (Mediakix, 2019)

– Entro il 2020, si prevede che le entrate medie delle app di messaggistica superino i $15 per utente, trainate principalmente dai chatbot. (Media Kix, 2017)

– La maggior parte dei Millennial che hanno interagito con i chatbot di un’azienda, afferma che il bot ha influenzato positivamente la loro percezione dell’azienda. (Mediakix, 2019)

Mobile

– Il 48% degli utenti ha iniziato a cercare un prodotto acquistato, prima sul cellulare. (Google, 2018)

– Un’esperienza mobile positiva con un marchio renderà l’89% delle persone più propensa a raccomandare quel marchio. (Maggiore visibilità, 2019)

– I tassi di conversione medi su dispositivi mobili sono aumentati del 64% negli ultimi due anni. (Higher Visibility, 2019)

– L’89% delle persone utilizza le app su smartphone , mentre solo l’11% utilizza siti Web standard. (Disruptive Advertising, 2018)

– Il 57% di tutti gli utenti di dispositivi mobili non consiglierà un’azienda se il suo sito mobile è progettato male o non è responsive. (Sweor, 2017)

– Gli utenti trascorrono in media il 69% del loro tempo multimediale su smartphone. (Comscore, 2017)

– I siti web mobile che si caricano in cinque secondi o meno termineranno in una sessione di visualizzazione più lunga del 70% rispetto alle loro controparti più lente. (Google, 2017)

– La mancanza di un design ottimizzato per dispositivi mobili è la ragione numero uno per cui il 40% dei visitatori di sito mobile esce e si reca sul sito di un concorrente. (Maggiore visibilità, 2019)

– Un ritardo di un secondo nella risposta della pagina mobile può ridurre le conversioni del 7%. (99 Firms, 2019)

– Il 90% di tutto il tempo sui dispositivi mobile viene speso in app. (eMarketer, 2018)

intelligenza artificiale

– Ad oggi solo il 15% delle aziende utilizza l’intelligenza artificiale, ma il 31% dovrebbe utilizzarlo nel prossimo anno. (Adobe, 2018)

– PWC ha definito l’IA una delle otto tecnologie essenziali nel mondo degli affari. (Huff Post, 2017)

– Ci sono 1.652 startup di intelligenza artificiale e società private che hanno incassato oltre $12,24 miliardi di finanziamenti. (Venture Scanner, 2018)

– L’uso dell’IA è cresciuto del 270% negli ultimi quattro anni. (Leftronic, 2019)

– L’87% delle aziende che hanno adottato l’IA, la sfruttano per migliorare la propria attività di email marketing. (Leftronic, 2019)

Per approfondire il tema della Tecnologia nel Marketing, leggi anche i nostri post su:

Martech: cos’è e perché ogni marketer dovrebbe interessarsene

Martech: quali sono i principali tool per ogni segmento di marketing

 

Hai bisogno di supporto strategico, operativo e tecnologico per le tue attività di marketing?

Scopri tutti i nostri Servizi e come possiamo aiutarti!