Pinterest for business: 5 consigli utili

 In Conversion Rate Optimization, Creative, Design, eCommerce, Google Analytics, Marketing Digitale, Mobile, Photo, Social Insights, Social Media Optimization, Web Analytics

Nella sezione Social Media Optimization di questo blog abbiamo cercato di coprire una vasta gamma di argomenti che possano trattare le diverse possibilità per le aziende di affacciarsi al mondo dei social media e di sfruttare così nuove occasioni di promozione e lead generation. Con questo intento è molto comune prendere in considerazione canali maggiormente frequentati come Facebook, LinkedIn o Twitter e non prestare la giusta attenzione ad altre piattaforme più giovani ma in costante crescita.

Tra queste, sicuramente possiamo annoverare anche Pinterest, un canale in continua evoluzione e sempre più aperto alle aziende.

Secondo recenti analisi, Pinterest conta circa 100 milioni di utenti attivi, di cui l’85% risulta essere pubblico femminile. Stando alle dichiarazioni nel loro blog interno, ciò che distingue questo social può essere descritto così:

That’s what Pinterest’s idea search is all about: helping you find the right ideas for you. Just type in “kid party ideas” and find your way to the perfect theme, invite, favors, decorations and cake. Every month, people do more than 2 billion searches on Pinterest to find ideas that match their own unique tastes and circumstances.

Nella sua proposta, Pinterest cerca di differenziarsi proprio nelle modalità di ricerca. Come abbiamo già notato nell’articolo “Facebook e Google: 4 nuove funzioni che devi assolutamente conoscere” Facebook, ad esempio, sta spingendo sempre di più per affinare una barra di ricerca che risponda alle specifiche domande degli utenti come fa già quella di Google. Dal canto suo Pinterest risponde puntando su una ricerca basata sulle idee e sull’offrire un’ampia gamma di risposte generali e indicative, dove quindi l’utente non fa domande dirette come ad esempio “servizio/location per festa di bambini” ma cerca ispirazioni, come “idee per festa di bambini”.

Per ottenere un tale risultato, Pinterest ha costruito un enorme catalog di idee, ma la vera innovazione sta nel suo puntare sulle persone che frequentano il social quotidianamente, più che su robot e algoritmi che selezionino le proposte. Tra i feed che ogni utente riceve, vige il principio fondamentale del “la persona a cui piace X, apprezza anche Y” e il catalogo viene costantemente ampliato da ciò che gli utenti stessi vanno a pinnare ogni giorno.

Vediamo come queste particolari caratteristiche si prestano anche a sostenere l’attività di marketing di un’azienda.

Pinterest for business: 5 consigli utili

pinterest-business

Quando si pensa ai social media più utili per sostenere il nostro business, spesso dimentichiamo di considerare Pinterest, ma si tratta proprio di un’opportunità mancata, soprattutto se la nostra azienda è B2C e principalmente offre un prodotto, non un servizio.

Perché un’azienda dovrebbe scegliere Pinterest

Presidiare anche questo canale può essere, infatti, un’occasione per mostrare il nostro prodotto soprattutto a chi ancora non ci conosce, particolarmente adatto quindi anche ad un brand molto giovane. 

Gli utenti di questo social lo sfruttano per cercare o salvare oggetti che desiderano acquistare, entrando a far parte di quel processo di social buying: secondo Pinterest l’87% degli utenti ha acquistato un prodotto grazie a questo social e il 93% lo ha utilizzato per pianificare un acquisto futuro. È indubbio dunque che si tratti di una vetrina indispensabile per chi voglia mostrare il proprio prodotto ad una larga audience, già preselezionata e targettizzata in base alle preferenze già espresse. In questo senso, i dati dimostrano anche che Pinterest è un ottimo strumento per aumentare il traffico che conduce al sito.

A questo punto non c’è da esitare, dobbiamo subito attivare un account business per il nostro brand: utilizzare solo un account personale non ci permetterà di avere accesso agli analytics e a tante altre funzioni pensate apposta per le aziende.

pinterest-business-account


5 consigli per ottimizzare la nostra presenza su Pinterest

  • Rendi il tuo brand visibile su Pinterest

Per assicurarci di essere accessibili alla più larga audience possibile, dobbiamo includere il nome del nostro brand e l’indirizzo del nostro sito in tutte le sezioni del social.

Quando pinniamo un’immagine, possiamo aggiungere una descrizione: se i pin provengono dal nostro sito, è bene proporre una descrizione accurata, in cui citiamo il nome del nostro marchio e keyword che ci aiuteranno a comparire nelle ricerche interne.


  • Fai sì che il tuo sito sia Pinterest-friendly

Per facilitare la condivisione del nostro contenuto su Pinterest, dobbiamo far sì che il nostro sito sia facilmente aperto alla condivisione per gli utenti di questo social. Per raggiungere questo obiettivo, dobbiamo innanzitutto aggiungere il bottone Save o Pin It, così sarà più facile salvare le immagini dei nostri prodotti o idee.

Il nostro sito deve inoltre comprendere un bottone Follow e deve dare la possibilità di sfruttare i Pin Dettagliati (Rich Pin), ovvero Pin che contengono informazioni supplementari. Pinterest offre 6 diversi tipi di Pin dettagliati e possiamo scegliere quello che più si adatta al nostro prodotto.

pinterest-rich-pin


  • Ottimizza la forma del contenuto

Per far sì che il nostro prodotto venga condiviso il più possibile, dobbiamo assicurarci che il contenuto che proponiamo sia adatto a questo canale: originale, curato e con una grande enfasi sulla qualità delle immagini. Pinterest è un medium essenzialmente visivo e il contenuto deve essere proposto in maniera sempre visivamente accattivante.

Dobbiamo anche acquisire consapevolezza su come Pinterest verrà fruito dagli utenti e di come si presenta strutturalmente: gli utenti accederanno principalmente da mobile, dove il feed è organizzato con immagini che scorrono in colonna. Saremo quindi più efficaci se proporremo immagini verticali, in alta qualità e quanto più possibile lunghe, che saranno più evidenti all’interno del feed.

pinterest-feed


  • Studia le categorie di Pinterest

Come abbiamo detto, generalmente gli utenti su Pinterest ricercano idee o ispirazioni, e anche quando cercano un prodotto specifico, ad esempio “orecchini”, non entreranno molto nel dettaglio nel fornire termini di ricerca, limitandosi per lo più a descrivere il prodotto e non a cercare uno specifico brand.

Pinterest ha dunque definito alcune categorie generiche, tra le più utilizzate troviamo home decor, food and drink, matrimoni, DIY e ricette. Dobbiamo quindi capire quale categoria sia più appropriata per il nostro business e categorizzare ogni Board che creiamo per mostrare il nostro prodotto: in questo modo sarà certamente più semplice per gli utenti rintracciare i nostri contenuti.

pinterest-categorie


  • Punta su contenuto educativo

Su Pinterest si cerca l’ispirazione, si cercano idee: gli utenti vogliono scoprire nuovi modi per svolgere le loro attività preferite e noi possiamo sfruttare questa occasione per mostrarci come esperti nel nostro settore.

Se il nostro business offre un servizio, potremo quindi puntare su tutorials, articoli educativi in cui mostriamo le nostre competenze, o sfruttare la componente visiva di infografiche accattivanti. Se invece vendiamo un prodotto specifico, possiamo cercare un modo per metterlo in mostra in contesti originali, che forniscano all’utente un’idea nuova sull’utilizzo che potrebbero farne.


Che i social media siano un terreno estremamente fertile per ogni azienda che dedichi gran parte dei suoi sforzi di promozione al digital marketing, è ormai un dato assodato. Se vogliamo cogliere appieno le possibilità offerte dai social contemporanei, dobbiamo assicurarci di presidiarli tutti al meglio, soprattutto quelli che hanno un potenziale in costante crescita per le aziende.

Come sempre, controllare costantemente gli analytics offerti dai diversi canali è un passaggio fondamentale per assicurarci che la nostra strategia stia funzionando e anche il caso di Pinterest non è diverso.

Se hai bisogno di una audit più specifico e di un’analisi sulle tue attività di social media marketing compila questo form.

Verrai contattato in 24 ore e avrai a disposizione un digital business audit gratuito della durata di 2 ore per creare insieme la strategia di digital marketing per il tuo sito web.

Recent Posts
Contact Us

Non siamo online in questo momento. Lasciaci un messaggio e sarà nostra cura metterci in contatto con te al più presto.

seo-content-is-king