Costruisci una landing page efficace in 6 mosse

adwords-landing-page

Mezzogiorno. Esterno. Giorno.

Immaginate di camminare in centro città e di vedere un grande cartellone pubblicitario con raffigurato un double cheeseburger: è il burger perfetto.

La carne sembra succosa e tenera, la lattuga croccante, il cheddar morbido e filante e potete già sentire il profumo dei semi di sesamo del pane fresco.

adwords-landing-page

Vi dirigete verso il fast-food più vicino perché la pubblicità che avete appena visto vi ha convinto: la vostra pausa pranzo merita quel hamburger.

Ora siete seduti al vostro tavolo, aprite la confezione e il panino che avete davanti non è esattamente quello che avevate sognato pochi metri prima.

landing-page-adwords

Abbiamo esordito così nell’articolo sulle 3 buone ragioni per cui ogni campagna di Google Adwords necessita di una landing page dedicata.

Non possiamo trattare l’ampio tema del digital marketing e – nello specifico – dell’acquisizione traffico, senza dedicarci alle landing page.

Una landing page è una pagina del nostro sito dove l’utente approda dopo aver cliccato un link su una adv, un’email o un altro tipo di campagna targettizzata. Le landing page sono estensioni di questi link che servono ad un obiettivo specifico: muovere l’utente nel funnel di conversione.

Spesso marketer inesperti dirigono tutto il traffico CPC sull’hompage del loro sito, ma questo può essere un grosso errore. Costruire delle landing page specificamente pensate per presentare diverse offerte è essenziale per ottenere un sito che converga meglio attraverso un messaggio che si rivolge direttamente alle necessità degli utenti.

Ottimizzare al meglio le nostre landing page può infatti portare ad aumentare sia il nostro traffico che il nostro conversione rate.

Sono tanti gli elementi che una landing page ben costruita deve avere, ma ci sono alcuni che non possiamo certamente ignorare.

Costruisci una landing page efficace in 6 mosse

Le landing page sono sempre molto diverse: a seconda dell’obiettivo presentano svariate call to action, sono dirette a lettori di target differenti, offrono prodotti o servizi vari rivolti a gruppi di utenti specifici.

La varietà di scopi, audience, prodotti ci dice che non ci sono regole definitive per strutturare una landing page efficace, ma possiamo certamente identificare quali sono le caratteristiche che landing page dall’alto tasso di conversione hanno in comune.

  • Un solo obiettivo

Una buona landing page è costruita per ottenere un unico obiettivo ben definito.

Da un lato, senza obiettivo si tratterebbe solo di una pagina di presentazione del brand e le potenzialità di conversione della pagina sarebbero vanificate.

Dall’altro, averne troppi porterebbe a confondere il visitatore che più probabilmente abbandonerà la pagina.

Dobbiamo assicurarci che ci sia solo un elemento sul quale l’utente possa concentrare la sua attenzione. Il messaggio deve essere chiaro e semplice, deve convincere il lettore a restare e informarlo sulla nostra offerta.

landing-page-efficace


  • Un titolo ad effetto

In media abbiamo circa 8 secondi per catturare l’attenzione del visitatore. Nel nostro articolo SEO copywriting: come ottimizzare un contenuto in 7 mosse abbiamo detto:

“Un titolo ben pensato e accattivante ha fatto già metà del lavoro: farà una grande prima impressione e darà il tono all’articolo. Se poi sarà anche ottimizzato in termini di SEO, il gioco è fatto.

Un buon titolo è dove tutto inizia: cattura l’interesse del lettore. Scegliere il giusto titolo è uno degli aspetti più importanti per sostenere l’efficacia della landing page. Un buon titolo deve

  • catturare l’attenzione del lettore;
  • informare l’utente sulle caratteristiche del prodotto o del servizio offerto, ancor meglio se accompagnato da un’immagine ben esplicativa;
  • deve essere corto e semplice
  • se la landig page è linkata a una campagna di email marketing, il titolo deve ripetere l’oggetto della mail.

 

  • Anche il sottotitolo vuole la sua parte

Il titolo cattura l’attenzione dell’utente, ma poi saranno il sottotitolo e quello che verrà letto dopo che lo faranno restare sulla pagina aperta.

  • il sottotitolo deve fare in modo di raccogliere e rafforzare l’effetto creato con il titolo.
  • dobbiamo puntare sulla persuasività, espandendo il concetto espresso nel titolo ma mantenendo ancora un po’ di mistero.

Possiamo anche giocare con l’ordine del nostro messaggio. HelpDesk, ad esempio, posiziona il sottotitolo sopra il titolo. L’effetto creato ottiene che l’attenzione del visitatore sia catturata dalla scritta più grande e più in risalto, che attira con il suo claim puntando all’emotività di chi legge, ma che se poi si leggono le due frasi insieme queste si uniscono in un unico messaggio.

come-costruire-landing-page


  • Immagini semplici e chiare

Le immagini hanno un ruolo importante nel condurre il visitatore dalla landing page all’esplorazione  successiva del sito.

  • l’immagine deve essere grande e di alta qualità;
  • Nel caso in cui stiamo vendendo un prodotto specifico, le immagini devono essere quanto più esplicative delle sue caratteristiche: l’utente deve sapere cosa sta comprando e la landing page deve fornire velocemente quante più informazioni possibile;
  • Nel caso in cui stiamo vendendo un servizio, l’immagine deve attrarre l’attenzione e dimostrare il legame con il prodotto. 

 

  • Garanzie e rassicurazioni

Gli utenti apprezzano le garanzie, che nei diversi modi in cui si declinano aiutano a rassicurare il visitatore che è approdato sulla nostra landing page. Se non si può esplicitare una vera e propria garanzia a sostegno del nostro prodotto o servizio, possiamo descrivere alcune caratteristiche del nostro servizio o prodotto, che aiutino a creare un certo livello di comfort nella fruizione della pagina.

E’ particolarmente efficace:

  • scegliere il tipo di garanzia che più si adatta alla nostra offerta ed esplicitarla sulla nostra pagina. Basta un messaggio semplice e preciso, il lettore non vuole dettagli, ma una facile percezione di sicurezza;
  • in assenza di esplicite garanzie per il nostro prodotto, possiamo stare sul generico ed esplicitare ad esempio “100% No Spam!”;
  • posizionare il nostro claim di garanzia vicino alla call to action: darà la giusta rassicurazione finale, spingerà l’utente alla conversione.

Per incrementare la fiducia del visitatore e assicurargli che la landing page sul quale è giunto è una pagina sicura, è molto efficace segnalare la presenza di segnali di sicurezza e loghi di software che certificano ad esempio la modalità di pagamento.

landing-page-che-converte

landing-page-ecommerce


  • Testimonial

I testimonial possono essere uno strumento molto utile per sostenere la capacità di conversione della nostra landing page.

Sono un elemento portante di quella che viene chiamata “prova sociale“, ovvero quel fenomeno psicologico per cui nel tentativo di emulare quello che crediamo essere un corretto comportamento, copiamo quello di chi è venuto prima di noi.

Mostrando testimonianze che trasmettano quanto altri siano stati contenti di aver compiuto l’azione per cui noi stiamo spingendo, sarà più facile convincere i nuovi lettori.

Per ottimizzare al meglio i nostri testimonial possiamo:

  • accompagnarli a foto o immagini, che aumenteranno la credibilità della testimonianza;
  • utilizzare video brevi e semplici: più legittima sembrerà la testimonianza più sarà efficace;
  • scegliere testimonianze di persone influenti: persone riconosciute come autorevoli nel loro campo aiuteranno a fornire ulteriori garanzie sulla validità del prodotto e sull’affidabilità dell’azienda.

Se non è possibile rintracciare testimonianze esplicite di altri visitatori, possiamo mostrare quanti altri utenti abbiamo utilizzato il nostro prodotto o fruito del nostro servizio.


Se vogliamo costruire una landing page efficace, ora sappiamo quali elementi non possono mancare. Seguendo questi consigli saremo in grado di strutturare una pagina in grado di supportare nel modo migliore la nostra campagna marketing.

L’ultimo consiglio è testare sempre la nostra idea prima di pubblicarla, provare diverse soluzioni, fino a quando non ci sembrerà di aver ottenuto la miglior presentazione per il nostro prodotto. Se conosciamo bene il nostro target audience, saremo in grado di offrirgli quello che desidera, e ci assicureremo l’acquisto finale.

Se hai bisogno di una consulenza più specifica e di un’analisi sullo stato delle tue attività di SEO/SEM e di lead generation, compila questo form.

Verrai contattato in 24 ore e avrai a disposizione un digital business audit gratuito della durata di 2 ore per creare insieme la strategia di digital marketing per il tuo sito web.

Recommended Posts