Google, FB e IG: le big news della settimana

Google, Facebook e Instagram: news settimana

Settimana calda questa del 16-20 dicembre che vede come protagonisti ancora una volta Facebook e Google che sembrano inarrestabili in fatto di aggiornamenti e novità.

Ma vediamo in dettaglio di cosa si tratta.

Facebook introduce nuove metriche in Ads Manager

Il social ha annunciato il lancio di due novità per aiutare gli inserzionisti a comprendere meglio il rendimento delle proprie campagne e migliorare la strategia pubblicitaria riuscendo a capire meglio attraverso un’analisi dei dati demografici e della provenienza delle conversioni.

Stiamo parlando di una funzione di reportistica cross-account e uno strumento per la costruzione di metriche customizzate.

I cross-account reporting – come spiega Facebook nel suo blog – consentono di mostrare metriche di misurazione (come reach, impression e conversioni) tra molteplici profili, fornendo,  “un one-stop-shop per una reportistica chiara e concisa delle performance del vostro business, e vi consentirà di risparmiare quel tempo che prima era impiegato a costruire manualmente i report”.

Lo strumento mostra anche le reach de-duplicate, ossia gli utenti unici raggiunti attraverso i vari account e campagne, in modo tale da rendere più facile per l’inserzionista capire quali utenti sta raggiungendo con una campagna e se il suo targeting è accurato.

La funzione di costruzione di metriche customizzate consente invece ai brand di progettare e salvare metriche di misurazione personalizzate. “Questo strumento – spiega Facebook – rende più fluido il processo di valutazione e ottimizzazione delle campagne, consentendovi di costruire reportistiche tagliate sui vostri specifici obiettivi di business”.

Inoltre, dopo il lancio dei percorsi di conversione all’inizio di quest’anno, oggi Facebook sta lanciando dei report sugli stessi. Secondo uno studio commissionato nel 2018 dall’azienda ad Ipsos , gli acquirenti hanno una grande varietà di canali per compiere un acquisto e, per capire meglio se stai raggiungendo i tuoi potenziali clienti, tutti gli inserzionisti dovrebbero avere un’idea dei percorsi di conversione. Pertanto, questi nuovi report, consentono di visualizzare i publisher più frequenti tra canali e dispositivi, aiutando ad identificare dei funnel più efficaci.

Cos’è Instagram Photo Booth?

Rimanendo in casa Facebook, Instagram sta testando una nuova funzionalità riservata al formato Stories: una sorta di Photo Booth il cui nome sarà Poses. La nuova funzionalità è stata scoperta da Jane Manchun Wong, la quale ha pubblicato un tweet per mostrarne il funzionamento.

Questa nuova funzione scatta una serie di immagini, ognuna a tre secondi di distanza, che possono essere unite in un video in stop-motion da condividere come Storia. Ma bisogna vedere se la feature sarà rilasciata ufficialmente, perché Instagram non ha ancora annunciato la novità.

Google BERT arriva in tutto il mondo

Ne avevamo già parlato in un nostro recente articolo. BERT, acronimo di Bidirectional Encoder Representations from Transformers è un algoritmo con intelligenza artificiale che cambierà l’intero sistema di ricerca di Google.

Google, via Twitter, ha annunciato che l’algoritmo BERT è ora disponibile in tutto il mondo.

Grazie a BERT sarà possibile comprendere meglio i risultati di ricerca effettuate dagli utenti. L’intelligenza artificiale, infatti, potrà analizzare una parola in relazione a tutte le altre presenti in una frase, in modo da avere una comprensione superiore del contesto in cui viene pronunciata.

Con questo algoritmo, il motore sarà in grado quindi di contestualizzare una parola andando a interpretare una frase per il suo vero senso.

 Rilasciato in un primo momento solo negli Stati Uniti,  ha interessato circa il 10% delle ricerche e ci si aspetta un risultato molto simile anche a livello globale.

 

Google testa il package tracking nei risultati di ricerca

Google sta lavorando all’integrazione del monitoraggio delle spedizioni direttamente all’interno dei risultati di ricerca, consentendo agli utenti di ottenere le informazioni che necessitano, senza visitare il sito web del corriere. Le persone potranno quindi inserire il numero di tracciamento all’interno della barra di ricerca Google e scoprire così lo stato del loro ordine.

Come dichiarato dallo stesso Google, “le persone entrano spesso all’interno della ricerca Google per cercare le informazioni sul tracking. Per far sì che gli utenti trovino subito quello che cercano, abbiamo creato una nuova funzione per il tracciamento dei pacchi che consente ai corrieri di mostrare lo stato delle spedizioni direttamente su Google Search”.

Questa funzione diminuirebbe il traffico verso i siti web dei corrieri, per questo, ogni azienda potrà aderire in maniera volontaria. Saranno quindi disponibili nella Search di Google, solo i tracking dei corrieri che hanno aderito al servizio.

 

Google inserisce le immagini negli annunci

Non sembrerebbe una grande novità, in realtà lo è perché non si tratta di estensioni per caricare immagini, ma le stesse verranno prelevate in maniera automatica dalla landing page o sito web di riferimento.

La funzionalità, al momento, è una beta riservata a pochi (infatti Google non ha ancora annunciato nulla di ufficiale).  Per scoprire se si è parte del progetto, bisogna entrare nel proprio account Google ADS e verificare se vi è il tasto “attiva estensioni di immagine”. Con questo automatismo sarà fondamentale avere immagini ottimizzate dal punto di vista SEO sul proprio sito web.

 

Scopri tutti i nostri servizi di Digital MarketingContattaci!

 

 

 

 

 

 

 

Recommended Posts