7 consigli per costruire una call to action efficace

call-to-action-efficaci

Come abbiamo scritto nel nostro articolo “SEO copywriting: come ottimizzare un contenuto in 7 mosse”,

“creare contenuti SEO, significa creare contenuti in grado di spingere l’utente al coinvolgimento e all’acquisto, ed è una delle più grandi sfide per ogni content marketer.

Chi si occupa di digital marketing sa che scrivere un buon contenuto e ottimizzarlo al meglio al fine di ottenere buoni risultati in SERP è solo parte della sfida: l’obiettivo vero è portare il lettore a compiere un’azione.

Scrivere contenuto SEO significa coinvolgere il lettore, accrescere la propria autorevolezza sul campo, portare l’utente a cliccare, a condividere e, in ultima istanza, a comprare.

esempi-call-to-action

Per raggiungere questo scopo è sicuramente importante concentrarsi sull’impostare una pagina dal forte impatto visivo: un buon uso del web design offre la possibilità di massimizzare l’efficacia di ogni elemento del nostro sito, catturando l’attenzione dell’utente e indicandogli in che modo fruire il nostro contenuto e interagire con la nostra proposta.

Leggi anche: 3 buone ragioni per cui ogni campagna di Google Adwords necessita di una landing page dedicata

Non dobbiamo commettere l’errore di sottovalutare alcun aspetto di cui si compone l’esperienza di navigazione dell’utente: anche gli elementi più piccoli presenti sulla nostra pagina hanno una funzione essenziale, prime fra tutti le call to action.

Come utenti, abbiamo tutti un’estrema familiarità con le CTA, sempre presenti in ogni sito o landing page, ma dal punto di vista di una strategia SEO spesso non vengono sfruttate al meglio.

E’ facile in realtà comprenderne la rilevanza: le CTA sono l’elemento che rende possibile la volontà dell’utente di compiere l’azione definitiva che cerchiamo. Senza le CTA, il nostro impegno per trasformare l’utente in effettivo acquirente del nostro prodotto, non troverebbe una conclusione diretta.

Per questo motivo andiamo ora ad esplorare 7 tecniche per sfruttare al meglio le potenzialità di una call to action.

7 consigli per costruire una call to action efficace

call-to-action-efficaci

Le Call to action sono bottoni utilizzati in siti e landing page per portare l’utente al nostro obiettivo di conversione.

Quando si chiede a qualcuno di “fare” qualcosa online, il mezzo con cui gli si permette di eseguire l’azione richiesta è proprio la CTA: scaricare un file, compilare un form, acquistare un prodotto o semplicemente, cliccare su un’altra pagina, per centrare l’obiettivo abbiamo a disposizione un bottone colorato e qualche parola.

Cliccando, l’utente “porta a termine l’azione” che noi desideriamo compia: si tratta dell’atto conclusivo nella navigazione del lettore, il momento decisivo per la nostra strategia di marketing e la registrazione del nostro obiettivo su Google Analytics.

Non basta essere consapevoli di quanto rilevanti siano questi elementi; strutturando la nostra campagna marketing, dobbiamo impegnarci a costruire delle CTA efficaci e d’impatto.

Un utente medio è esposto costantemente a messaggi diretti di questo tipo: dobbiamo proporre CTA che si distinguano e per farlo, la forma e il colore scelti sono importanti quanto il messaggio che useremo.

Vediamo ora alcune tecniche per sfruttare al meglio le caratteristiche delle nostre CTA.

  • Fallo, ORA!

Un trucco efficace è certamente puntare sul senso di urgenza e gratificazione.

Neil Patel scrive

Humans are hardwired to want things — now. It’s called instant gratification, and it’s a powerful force. It can make people convert, as long as you’re doing the right things.

Il tempo di attesa che l’utente medio è in grado di “sopportare” online diminuisce costantemente, e una gratificazione istantanea è ormai aspettata.

Spesso l’utente non legge neanche più tutto il contenuto e la sua attenzione va catturata immediatamente con parole chiave come “ora” o “subito” o con termini che aiutino a stimolare il senso di urgenza.

Uno studio di Michael Aagaard ha dimostrato l’efficacia di questi termini: la CTA spesso utilizzata “Chiedi informazioni” sembra implicare una certa lunghezza nel processo, mentre “Ottieni informazioni” implica un senso di immediatezza che ha portato ad un incremento del 38.26% di conversioni a questo sito danese.

Per gli e-commerce, è di grande efficacia puntare anche sull’effetto “esaurimento scorte”.

Sottolineare come rimangano pochi articoli, che altri utenti stanno valutando lo stesso acquisto e che l’offerta ha una durata di tempo limitata, aiuta sicuramente a stimolare l’urgenza all’acquisto.

Gli utenti apprezzano sconti e offerte e rispondo in fretta ad annunci che hanno un countdown che evidenzia la scarsità temporale o di magazzino.

cta-che-convertono


  • Che cosa aspetti, è GRATIS!

Niente cattura meglio l’attenzione della parola gratis.

L’economista comportamentale Dan Ariely ha testato il potere di questa parola: ha chiesto ad un gruppo di persone di scegliere fra due offerte, un buono da 10$ di Amazon a gratis, o un buono da 20$ disponibile a solo 7$. Anche se la seconda opzione è certamente più conveniente, la maggior parte delle persone ha scelto il buono Amazon, solo perché era gratis.

Secondo uno studio di VWO, scegliere il semplice messaggio “Demo gratis” al posto di “Ottieni la demo” ha portato all’incredibile un incremento del CTR del 99.42%.

cta

cta-2


  •  Scegli il pronome giusto!

Anche la più piccola delle modifiche fa la differenza.

Un esempio è la scelta del pronome: è dimostrato che passare dalla seconda alla prima persona singolare può aumentare il CTR del 90%. D’altronde conosciamo l’importanza di creare una connessione con l’utente attraverso lo stile e la struttura del contenuto, che deve trasmettere familiarità e un senso di comunione con il lettore.

Puntare sull’emotività è importante anche nelle CTA: l’utente deve sentire che l’azione che compierà è personale e gli porterà un beneficio diretto.

esempi-cta-vincenti


  • Scegli attentamente le parole

Da un lato non vogliamo utilizzare messaggi banali o troppo comuni, dall’altro non vogliamo risultare poco efficaci in nome dell’originalità. La soluzione è nel giusto equilibrio tra unico e creativo, e semplice e diretto.

Dobbiamo evitare di ripeterci per non perdere di efficacia, ma anche di utilizzare parole troppo vaghe e generiche come “continua” o “segue”.

Come per il contenuto, conoscere il linguaggio del nostro target di utenti è essenziale anche per proporre una CTA originale che catturi l’attenzione.

Ecco un ottimo esempio:

come-scegliere-la-cta


  • Spingi all’esplorazione

Come dice HubSpot:

il consumatore sente sempre il desiderio di ottenere più informazioni sul prodotto o servizio che sta osservando.

L’inglese “Learn more”, che in italiano si traduce solitamente in “Scopri di più”, è una delle CTA più comuni e efficaci, soprattutto se posizionato ai diversi livelli del nostro funnel di conversione.

Offrire un periodo di prova o una guida gratuita può essere un elemento efficace per catturare l’attenzione dell’utente che muove i primi passi sul nostro sito. Più informazioni raccoglierà nel minor tempo possibile, più probabile sarà il suo acquisto finale.

cta-conversion-rate


  • Fornisci un’alternativa

Il tuo obiettivo è vendere, ma questo non significa che l’utente che vuole solo raccogliere  informazioni non sia altrettanto importante.

Proporre azioni alternative come “Abbonati”, “Scopri”, “Condividi” ci darà l’opportunità di trasmettere un’idea di libertà e di flessibilità all’utente e quindi di catturare l’attenzione di lettori che visitano il nostro sito con scopi diversi.

esempi-di-cta


  • Cura il design

Concentrarci sul testo non basta se non poniamo la stessa attenzione all’aspetto grafico della CTA.

Tipicamente proposta con bottoni, le CTA devono essere facilmente riconoscibili nella pagina, chiare e accattivanti.

Neil Patel, ad esempio, consiglia:

  1. colori chiari e contrastanti;
  2. un bottone ben distinto;
  3. che siano circondate da spazio bianco che aiuti a metterle in risalto;
  4. forma rettangolare (anche con bordi arrotondati);
  5. bordi complementari;

Guardiamo ad esempio la home page di Dropbox: il disegno è semplice e lineare, così come il font e i colori utilizzati. Il design scelto permette al bottone di mantenersi sempre in evidenza e allo stesso tempo perfettamente integrato con il contenuto proposto.

dropbox-cta

Un ultimo elemento importante è la posizione della CTA all’interno della pagina.

Più l’offerta è complessa, più è necessario fornire informazioni all’utente e quindi posizionare in basso la CTA. Se il prodotto o servizio proposto è più semplice, posizionare la CTA in alto favorirà la fruizione immediata e aumenterà il CTR.


In conclusione possiamo quindi affermare che maggiore è il valore e la rilevanza che riusciamo a comunicare attraverso la nostra call to action, più alto sarà il nostro indice di conversione.

Dobbiamo chiederci “Cosa potrebbe motivare l’utente a cliccare?” e “Cosa otterrà quando cliccherà il bottone?”. Una volta trovate le risposte a queste due domande, sapremo cosa scrivere nella nostra CTA. Curarne il design e scegliere parole accattivanti completerà l’opera, e saremo un passo più vicini al trasformare il lettore in acquirente.

Se hai bisogno di una audit più specifico e di un’analisi sullo stato del tuo sito web, compila questo form.

Verrai contattato in 24 ore e avrai a disposizione un digital business audit gratuito della durata di 2 ore per creare insieme la strategia di digital marketing per il tuo sito web.

Recommended Posts