Ultime novità da casa Facebook: dai “non-like” ai nuovi modelli di lead ads

 In Facebook Strategy, Marketing Digitale

Settembre è appena iniziato e non sono tardate ad arrivare le prime novità in campo social e digital.

Questa volta è il colosso Facebook a farsi sentire con 3 importanti novità!

1. Test sull’oscuramento dei Like

Facebook potrebbe nascondere dai post il numero di like ricevuti come già sta facendo con Instagram in alcuni paesi, tra cui l’Italia. Questo per evitare un’ eccessiva attenzione a questo dato rispetto ai contenuti. Lo ha rivelato il sito TechCrunch, che ha raccolto la conferma dell’azienda, sulla base delle osservazioni della ricercatrice Jane Manchung Wong.

“Ho osservato – scrive Wong sul proprio blog – che Facebook ha recentemente iniziato a sperimentare una funzione che nasconde i like nella sua app Android”, segno che il test potrebbe diventare pubblico anche con una semplice attivazione lato server da parte di Facebook. La funzione è già in sperimentazione su Instagram in sette Paesi tra cui l’Italia, il Canada e il Brasile al fine di “rimuovere la pressione su quanti like un post riceverà e per permettere agli utenti di condividere più liberamente contenuti”, ha spiegato a suo tempo l’azienda di proprietà di Mark Zuckerberg. Su Instagram i ‘mi piace’ non sono visibili pubblicamente ma possono essere visualizzati dall’autore del post.

Facebook ha confermato a TechCrunch che anche in questo caso le motivazioni sarebbero le stesse, senza fornire però dettagli su quando la novità potrebbe diventare ufficiale. Il trend sta diventando molto comune tra le piattaforme social: anche YouTube da settembre non mostrerà più il numero esatto di utenti dei canali con oltre mille iscritti, ma solo un numero approssimato.

“La mossa di Facebook potrebbe anche avere l’effetto di rendere meno evidente il calo di engagement organico che si registra da anni sulla piattaforma – spiega all’ANSA Vincenzo Cosenza, esperto di social media. Così come avvenuto per Instagram, l’obiettivo è capire se il coinvolgimento sale o scende in assenza dell’effetto ‘bandwagon’, cioè la visione dell’apprezzamento già manifestato dagli altri. A ciò si aggiunge anche la volontà di spostare l’attenzione dalle facili interazioni, un meccanismo spesso accusato di stimolare una competizione effimera che può influire negativamente sulla vita degli adolescenti, ad azioni più pensate e di valore, come l’acquisto dei prodotti promossi sui social network”.

2. Facebook rilascia il nuovo layout per desktop già annunciato alla conferenza F8

Tra gli aggiornamenti che ci era stato chiesto di aspettarci dopo i vari annunci alla conferenza degli sviluppatori F8 di Facebook, c’era un nuovo layout su dispositivi mobili e desktop. La versione mobile è stata lanciata di recente, ma non c’erano indicazioni su quando sarebbe stata lanciata la versione desktop.

Il nuovo layout desktop, pubblicizzato da Facebook come “nuovo” e “più semplice” è già stato individuato da alcuni utenti, quindi dovremmo aspettarcelo a breve in tutto il mondo. Secondo Facebook, il nuovo layout offre tre vantaggi principali:

1. la possibilità di “accedere rapidamente alle funzioni più utilizzate” con una nuova navigazione “ottimizzata”
2. “caratteri più grandi e layout semplificati” che ti consentono di trovare le cose più facilmente
3. salvare da dove si era interrotto quando si esce dal feed notizie

“Questa riprogettazione semplifica il passaggio delle persone dal feed ai gruppi. Ci sono decine di milioni di gruppi attivi su Facebook e quando gli utenti trovano quello giusto, lo trasformano in un’attività frequente.

Per questo motivo, Facebook sta introducendo nuovi strumenti che ci renderanno più facile scoprire e interagire con gruppi di persone che condividono i nostri stessi interessi interessi.

3. Lead Generation per Messenger

Facebook sta rilasciando la funzionalità di lead generation automatizzata per Messenger, che è stata annunciata a tutti gli inserzionisti per la prima volta a maggio.

La nuova offerta consente alle aziende di creare annunci che indirizzano le persone verso un flusso automatizzato di domande e risposte sulla piattaforma.

Ecco come funziona: quando un utente fa clic sul pulsante “Invia messaggio” in un annuncio click-to-Messenger all’interno del suo feed di notizie di Facebook, avvia una chat automatizzata in Messenger con l’azienda.

Gli inserzionisti possono integrare lo strumento di lead generation con una piattaforma CRM e hanno anche la possibilità di continuare le conversazioni con i clienti tramite la casella Inbox della pagina Facebook dell’azienda, l’app di Gestione Pagina o una soluzione di chat live di terze parti.

Perché è interessante?

Secondo un recente sondaggio condotto da Drift (un fornitore di soluzioni di chat online) e SurveyMonkey, il 42% delle persone intervistate ha dichiarato di aspettarsi una risposta tramite una chat entro cinque secondi dall’invio di un messaggio. Integrando una funzionalità di lead generation automatizzata che si collega a una piattaforma CRM nei suoi annunci click-to-Messenger, Facebook sta aiutando i brand a rispondere rapidamente alle richieste dei clienti e semplificando la comunicazione con i clienti sulla piattaforma.

Le aziende che hanno avuto accesso anticipato allo strumento di lead generation di Messenger hanno registrato un aumento misurabile di lead qualificati.

RIFT Tax, una società di servizi finanziari con sede nel Regno Unito, ha utilizzato la piattaforma in una campagna rivolta ai membri delle Forze Armate e ha generato un aumento del 42% dei lead, con un tasso di risoluzione dei lead superiore del 18% tramite Messenger, rispetto alle conversazioni telefoniche. RIFT Tax ha inoltre registrato un tempo di risposta inferiore a 10 minuti.

 

 

Fonti: ANSA, TechCrunch

Recommended Posts
Contact Us

Non siamo online in questo momento. Lasciaci un messaggio e sarà nostra cura metterci in contatto con te al più presto.

marketing automation: cos'è e beneficiche cos'è il martech